30/11/15

Una torre semovente porterà energia nei luoghi colpiti da calamità

Si monta e si smonta in maniera quasi automatica e produce da sola l’energia che usa. È la struttura progettata da due ricercatori statunitensi che servirà a portare aiuti alle vittime di sismi o inondazioni. Il Trs-1, Transient Response System è un palazzo residenziale removibile che fornirà alloggi, energia e acqua pulita nelle aree colpite da calamità naturali.
Il veicolo è anfibio e raggiungerà la zona interessata trasportando la base della struttura, che poggia su quattro piedistalli. La base verrà sollevata di 20-25 metri (come un palazzo di sei piani), in modo da rimanere fuori dalla zona danneggiata e la piattaforma avrà la capacità di integrarsi alle infrastrutture preesistenti in zona.


Speciali ascensori porteranno sopra uomini e veicoli, mentre la piattaforma ospiterà lo scheletro dell’edificio e i moduli abitativi per ospitare gli sfollati.
Per produrre acqua e luce, il tetto della torre sarà dotato di un generatore solare, due turbine eoliche e cisterne per raccogliere l’acqua piovana.
Poi, una volta terminata l’emergenza, Trs-1 verrà smontato in attesa di essere utile da un’altra parte.
A progettare Trs-1 sono stati due studenti del Southern California Institute of Architecture di Los Angeles, Adrian Ariosa e Doy Laufer, che l’hanno concepito per l’emergenza riguarderà la città indonesiana di Giacarta. Secondo alcune previsioni, infatti, questa città è destinata a essere inghiottita dal mare entro il 2025.