23/05/12

ScanSnap S1100 Fujitsu: lo scanner che entra in borsetta

Una barra di circa 27 centimetri dal peso limitato (350 grammi) che può essere portata nella 24 ore o in borsetta: ecco come si presenta il nuovo scanner ScanSnap S1100 della Fujitsu, la soluzione per digitalizzare i documenti in qualsiasi istante e luogo.


ScanSnap S1100 esegue scansioni in molti formati, dal biglietto da visita fino al documento A4, anche se plastificati come la patente e la carta di identità. I tempi di scansione per un documento A4 variano da 7,5 secondi con una risoluzione di 300 dpi a 35 secondi con 600 dpi di risoluzione. È prevista anche la funzione di alimentazione continua degli originali.


Lo scanner è compatibile sia con Windows sia con Mac Os e le scansioni possono essere gestite da Word, Excel e PowerPoint grazie al pacchetto Abbyy Fine Reader in dotazione o verso Servizi Cloud. I pdf in uscita possono essere inviati direttamente da iPad e iPhone tramite l’applicazione ScanSnap Connect, oppure condivisi tramite posta elettronica. Un software apposito pensato per i biglietti da visita permette di importare in Excel o Outlook l’estrazione automatica delle informazioni di contatto. Il prezzo è di circa 230 euro.

22/05/12

Raeeporter, la app amica dell’ambiente

Si chiama Raeeporter la app sviluppata in seno alla campagna di sensibilizzazione del consorzio Ecodom e Legambiente per coinvolgere i cittadini alla segnalazione dei rifiuti elettronici abbandonati per strada. Con la sigla Raee (Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche) vengono comprese le apparecchiature quali televisori, pc, elettrodomestici, ma anche apparecchi di illuminazione, apparecchiature per lo sport e il tempo libero, dispositivi medici, distributori automatici. Questo tipo di rifiuti vanno smaltiti in appositi centri di raccolta sparsi su tutto il territorio nazionale o affidati a ditte specializzate nel ritiro e trasporto ai centri di raccolta. Gli apparecchi domestici come tv, pc, grandi e piccoli elettrodomestici possono venire riconsegnati ai rivenditori che si occuperanno del loro corretto smaltimento. Se abbandonati nell’ambiente possono diventare pericolosi per la presenza di sostanze non biodegradabili e dannose.
La app Raeeporter, che si scarica gratuitamente su Apple store permette a ogni cittadino di segnalare la presenza di apparecchi elettronici abbandonati ai bordi delle strade. Con la funzione Foto si può fotografare il rifiuto trovato abbandonato nell’ambiente e caricare la fotografia del sito Raeeporter.it corredata dai dati personali del cittadino che effettua la segnalazione e l’indicazione del luogo del ritrovamento. Raeeporter si occuperà di inoltrare la richiesta di rimozione al Comune o alla società che si occupa del corretto smaltimento dei rifiuti.


Con la funzione Video è possibile registrare un filmato di tutte le apparecchiature domestiche utilizzate e di tutti quegli apparecchi non più funzionanti che teniamo in casa per la pigrizia di recarci  alle isole ecologiche. In pratica il video conterrà lo stato dell’arte dei nostri prossimi Raee. Una volta girato il video è possibile inserirlo sul sito di Youtube, compilare il form di registrazione sul sito Raeeporter.it, inserendo i dati personali e una breve descrizione del filmato e indicato l’Url del filmato caricato su Youtube. Raeeporter si occuperà di trasferire il video girato nel canale di Youtube dedicato all’iniziativa.

16/05/12

Webcam puntate sui nidi delle aquile

L’aquila calva, il simbolo degli Stati Uniti d’America, rischia l’estinzione. E gli americani stanno correndo ai ripari impiantando nidi in varie parti del paese. Il Raptor resource projet, un progetto no-profit specializzato nella tutela e nella conservazione di falchi pellegrini e aquile, mantiene dal 1988 siti protetti in cui i rapaci possono costruirsi da soli i nidi per la riproduzione.
Gli uccelli monitorati, purtroppo ancora molto pochi, vengono seguiti e curati dalle ferite riportate dopo le lunghe rotte migratorie, il loro stato di salute è continuamente tenuto sotto controllo grazie a prelievi di campioni di sangue e ai nidi viene assicurato il miglior habitat per favorire la riproduzione.
L’operato del gruppo è caratterizzato dalla filosofia di diffondere in maniera capillare al pubblico il proprio operato, attraverso letture pubbliche e programmi educativi sull’argomento. Sfruttando la potenzialità delle nuove tecnologie, il Raptor resource projet ha installato una serie di webcam nascoste che riprendono i nidi dei rapaci, in modo da monitorarne costantemente il comportamento. E da un anno a questa parte, le riprese delle webcam sono state messe a disposizione su una pagina Internet appoggiata al sito UStream, dove milioni di persone posso seguire in diretta le giornate di questi magnifici rapaci nell’attesa del fatidico momento della schiusa delle uova. Il progetto ha avuto un tale successo che nel mese di febbraio del 2011, in occasione della posa delle uova, il sistema ha avuto un crash di due ore per i troppi accessi.
L’evento tanto atteso si è verificato l’anno scorso in un nido situato nello stato dello Iowa: milioni di spettatori hanno potuto assistere alla schiusa e alla nascita dei piccoli aquilotti.

Live streaming by Ustream

Ma, grazie appunto al monitoraggio continuo da parte del pubblico, recentemente si è potuta salvare una tragedia: alcuni spettatori, infatti, seguivano lo streaming proprio nel momento in cui un aquila adulta è piombata su un nido che ospitava due aquilotti nati da poco. I piccoli malcapitati sono stati afferrati dagli artigli del predatore e gettati a terra, con un salto nel vuoto di almeno 12 metri. Gli utenti collegati in quel momento che hanno assistito alla scena si sono prontamente messi in contatto con i responsabili, che sono subito intervenuti in soccorso. Gli aquilotti feriti sono stati portati in strutture specializzate e curati per lungo tempo, fino alla loro completa guarigione. Nel momento delle dimissioni dalla casa di cura, ad attenderli per salutarli, c’cerano centinaia di spettatori che avevano seguito con passione il loro incidente e la loro lunga degenza.

12/05/12

KIA Dubstep Contest Euro 2012

Ti piace ballare e hai la possibilità di realizzare un video delle tue performance? Allora non puoi perderti il favoloso Kia Dubstep Contest Euro 2012, un concorso che ho trovato divertente e originale e che unisce le due tendenze del momento: il fermento per gli europei di calcio e la passione per la musica dubstep

contest

Questa danza, infatti, sta facendo impazzire tutti i giovani, e i video diffusi in rete hanno avuto milioni di contatti in pochi giorni. Puoi organizzarti da solo o con gli amici e preparare la tua coreografia: devi registrare il video ballando al ritmo di “I Can’t Stop” del Dj Flux Pavilion. Non cercare di essere professionale: esegui un ballo spontaneo e creativo, muovendoti con naturalezza, come fai ogni giorno. E soprattutto cerca di divertirti e trasmettere allegria.
Una volta realizzato il video, vai sull’applicazione facebookKia Dubstep Contest”: nella pagina trovi il regolamento completo del concorso e il pulsante rosso che serve a caricare il video.
Fra tutti i partecipanti verranno selezionati 8 finalisti che vinceranno subito gli Euro 2012: un viaggio compreso di volo, albergo e un biglietto per assistere alla partita inaugurale degli Europei 2012 che si svolgerà a Varsavia (Polonia) il prossimo 8 giugno.
E per il primo premio sarà messa in palio una favolosa Kia Picanto!
Fra tutti i video caricati entro domenica 13 maggio, il Dj Flux Pavilion e la regina della dubstep dance, la coreana Min-jung Jool, faranno una prima selezione degli migliori 16, in base alla bravura, alla creatività e alla capacità di intrattenimento. Poi saranno le votazioni dei fans di Kia su facebook a decidere quali 8 potranno partire per Varsavia.
Se hai partecipato ballando insieme ai tuoi amici, ricorda che solo un massimo di due persone per gruppo possono vincere Euro 2012. I minori di 18 anni possono contribuire con i loro video, ma non potranno accedere alla selezione degli 8 finalisti. Il regolamento completo lo trovi cliccando il pulsante “How to partecipate” della pagina facebook dedicata alla gara (https://apps.facebook.com/kia-dubstep-contest/index.php?redir=Y).


Tutti i video caricati si possono visualizzare anche sulla pagina di youtube del contest (http://www.youtube.com/kiabuzz).
Ricorda che hai tempo solo fino a domenica 13 maggio per partecipare: cosa aspetti a entrare in pista per far vedere a tutti quello che sei capace di fare?


Articolo sponsorizzato