10/01/12

Concerto dal vivo? Sì, ma senza il cantante

La fantasia dei giapponesi non ha proprio limite… Scene con centinaia di persone che impazziscono ai concerti, al punto di svenire e stare male, le avevamo viste già ai tempi dei Beatles, ma per rivedere lo stesso spettacolo in un concerto virtuale bisogna proprio spostarsi in Giappone. Sì, perché l’ultima tendenza nipponica è allestire concerti veri e propri, con palco, pubblico e orchestra, ma senza cantante. Il protagonista della serata musicale è sostituito da un personaggio di fantasia animato da una proiezione tridimensionale, e si chiama Hatsune Miko. L’ologramma permette di proiettare e far muovere la cantante come una vera star, mentre un software specifico per la sintesi vocale, Vocaloid, si occupa di darle voce. Hatsune Miko assicura il tutto esaurito per ogni serata, come una vera stella del rock. Il pubblico partecipa con grande fervore: canta, applaude e urla come se fosse di fronte a un divo in carne e ossa. Ad apprezzare l’innovazione giapponese è stato anche l’ex-cantante dei System of a dream, Serj Tankian. Durante numerose interviste rilasciate qualche tempo fa, il cantante armeno naturalizzato statunitense avrebbe infatti dichiarato di essere attratto dall’idea di realizzare un tour olografico al fine di ridurre le emissioni di anidride carbonica derivanti dagli spostamenti per le tournée. Ma ha promesso di interagire dallo studio di proiezione con tutti i fans come se si trovassero nello stesso posto. D’altra parte lo stesso Alice Cooper, a maggio dell’anno scorso ha usato la tecnica dell’ologramma per trasmettere a Londra le immagini di un concerto tenuto in California. E i giapponesi ora hanno pensato di “costruirsi” una rock star completamente personale…

Nessun commento:

Posta un commento